Garantiamo esperienze incredibili:Soddisfatto o rimborsato!
Scopri

Il Castello di Baia, Museo Archeologico affacciato sul mare

Via Castello 39, 80070, Bacoli

Durata visita: 3h - Non acquistabile, prezzo indicativo 4,00€
  • Audioguida in inglese

    Supporti in lingua

  • A pagamento e custodito

    Parcheggio disponibile

  • Attività per bambini

    Adatto ai bambini

  • Posto auto riservato alle persone disabili

    Senza barriere

  • Animali non ammessi

    Animali ammessi

Il Castello di Baia, a circa mezz’ora dal centro di Napoli, è senza dubbio un luogo speciale: sorta sulle ceneri di un illustre passato romano, questa imponente fortezza affacciata sul mare cristallino del Golfo di Pozzuoli, ha attraversato molti secoli di storia e vissuto un gran numero di vite diverse.

Se il suo passato così ricco e glorioso non fosse già abbastanza per incuriosirti e far meritare al Castello di Baia un posto d’onore nel tuo prossimo itinerario, ti farà piacere sapere che nel 1984 questo luogo così particolare fu scelto come sede del Museo Archeologico dei Campi Flegrei. Da allora l’antica fortezza aragonese è diventata un vero e proprio scrigno di tesori: essa custodisce infatti tutti i più significativi reperti rinvenuti nella zona dei Campi Flegrei.

Se questo ancora non dovesse sembrarti abbastanza, con ogni probabilità ti interesserà sapere che con una breve gita in barca potrai raggiungere la spiaggia del Castello, una delle più belle della zona.

Storia del Castello Aragonese di Baia

La storia del Castello di Baia ha inizio oltre 2000 anni fa, ben prima della sua effettiva costruzione: il celebre storiografo latino Tacito ci racconta infatti di un’elegante villa appartenente a Giulio Cesare, edificata al di sopra di un’altura dalla quale si poteva godere di un magnifico panorama sul Golfo di Baia.

I resti di questa villa romana vennero in parte inglobati all’interno della nuova struttura che sorse sul promontorio a partire dal 1495 per volere degli Aragonesi, i sovrani spagnoli che all’epoca avevano il controllo del Regno di Napoli. Re Alfonso II d'Aragona scelse infatti questo luogo per edificare una fortezza pressoché inespugnabile, collocata in una posizione strategica che consentiva di controllare dall’alto tutto il territorio circostante.

Nei secoli seguenti il Castello Aragonese di Baia venne ristrutturato ed ampliato fino a raggiungere il suo aspetto attuale, con la sua caratteristica forma a stella. L’edificio mantenne la propria funzione difensiva per lungo tempo, nonostante i molti cambiamenti avvenuti a livello politico: la zona passò infatti dagli spagnoli agli austriaci, e in seguito fu controllata dai Borbone.

Dopo l’Unità d’Italia il Castello perse di importanza in quanto ritenuto non più utile a scopo strategico. L’edificio rimase in stato di abbandono fino al 1927, quando venne adibito ad orfanotrofio militare; questa rimarrà la sua funzione principale fino al 1975, salvo una parentesi come carcere militare negli anni della seconda guerra mondiale. In seguito al drammatico terremoto che colpì l’Irpinia nel 1980, il Castello di Baia ospitò per qualche tempo alcune famiglie sfollate.

Perché visitare il Museo Archeologico dei Campi Flegrei

Nel 1984 il Castello Aragonese di Baia passa sotto il controllo del Ministero dei Beni Culturali, che subito lo sceglie come sede ideale per un museo dedicato agli svariati tesori archeologici rinvenuti nell’area dei Campi Flegrei. Bisognerà tuttavia attendere il 1993 per la definitiva apertura al pubblico del Museo Archeologico dei Campi Flegrei.

Si tratta di un progetto pensato per essere in costante divenire: le sale sono infatti organizzate con un criterio topografico, ognuna dedicata a una specifica area dei Campi Flegrei, e destinate ad essere arricchite nel corso del tempo con i reperti ritrovati mano a mano. Particolare attenzione meritano le sale che ospitano le ricostruzioni del Sacello degli Augustali di Miseno, con i suoi magnifici gruppi scultorei dedicati a imperatori e divinità, e del Ninfeo di Punta Epitaffio ritrovato nel Parco sommerso di Baia.

Limitazioni

Cose importanti da sapere

  • Sono in corso i progetti per un ascensore interno

Suggerimenti e idee di viaggio dal blog

Agrippina Minore, la mamma di Nerone

Agrippina Minore, la mamma di Nerone

Agrippina Minore era una donna dalla forte personalità, il cui fantasma si aggira ancora intorno alla sua tomba, pettinando i suoi lunghi capelli.

Troisi, il bacio a Bacoli e le scale di Chiaia

Troisi, il bacio a Bacoli e le scale di Chiaia

Riviviamo insieme una delle scene più romantiche dell'intramontabile film Scusate il ritardo di Massimo Troisi, girata sulla spiaggia di Miliscola a Bacoli.

Sulle orme di Apione con Maria Caputi

Sulle orme di Apione con Maria Caputi

Abbiamo intervistato Maria Caputi, titolare di un'impresa culturale dei Campi Flegrei, ripercorrendo i luoghi scelti nel suo libro "Il Viaggio di Apione".

Prodotti tipici e altri buoni motivi per visitare la Campania

Prodotti tipici e altri buoni motivi per visitare la Campania

La Campania è una delle mete più gettonate dai turisti stranieri per le loro vacanze. Scopriamo i motivi per cui questa regione riscuote tanto successo.

Parco regionale dei Campi Flegrei: i luoghi dell'Eneide

Parco regionale dei Campi Flegrei: i luoghi dell'Eneide

Tesori archeologici, paesaggi mozzafiato, acque termali in cui rilassarsi. Il Parco Regionale dei Campi Flegrei è la scelta giusta per la tua prossima gita.

Calipso, i luoghi del video della canzone

Calipso, i luoghi del video della canzone

I meno giovani conoscono Calypso come la ninfa che trattenne Ulisse nell'isola di Ogigia, ma il set scelto per la canzone sono i Campi Flegrei e Napoli.

Hai bisogno di un passaggio?Scegli la soluzione più adatta a te.

Lascia la tua email e ricevi aggiornamenti sulle nuove proposte di viaggio.