Regala movery

La Floridiana, complesso storico artistico a Napoli

Via Domenico Cimarosa 77, 80127, Napoli
Durata

2h

Le lingue

___

Partecipanti

Illimitato

Tipo

Museo statale

attribute img

Adatto ai bambini

attribute img

Adatto alle coppie

attribute img

Animali ammessi

attribute img

Parcheggio disponibile

attribute img

Senza barriere

attribute img

Supporti in lingua

Cose importanti da sapere

Servizi inclusi

  • Esclusiva garanzia Movery soddisfatti o rimborsati
  • Servizio di assistenza turistica inclusa
  • Consegna biglietti istantanea
  • Si accettano biglietti su smartphone

Biglietti e scontistica

  • Ingresso gratuito per il parco
  • Biglietto d'ingresso al museo intero 4 €
  • Biglietto d'ingresso al museo ridotto 2 €

Orari

  • Il parco è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 08:00 alle 16:00 nei mesi invernali e dalle 08:30 alle 19:30 nei mesi estivi
  • Il museo è aperto il lunedì e dal mercoledì al sabato dalle 09:00 alle 13:00, la domenica dalle 10:00 alle 12:00

Limitazioni

  • Vietato l'accesso ai cani
  • Non si può giocare a pallone all'interno del parco

Consigli per la visita

Come raggiungere Villa Floridiana

  • Per raggiungere la Floridiana, segui le indicazioni oppure lasciati aiutare dal tasto 'Ottieni indicazioni'.
  • Raggiungi la Floridiana di Napoli con i mezzi pubblici
  • Da Napoli è possibile raggiungere la Floridiana con la linea 2 metropolitana che collega Piazza Garibaldi a Piazza Amedeo. Da qui bisogna proseguire per una ventina di minuti a piedi in direzione di Via Cimarosa o prendere la Funicolare che appunto collega Piazza Amedeo (o Parco Margherita) a Via Cimarosa.
  • Raggiungi la Floridiana di Napoli con l'auto
  • Si raggiunge facilmente con il proprio mezzo da Piazza Garibaldi seguendo Via Cesare Rosaroll, Via Foria e Piazza Cavour fino a Via Salvator Rosa. Da qui proseguire per il Vomero in direzione Via Cimarosa.n

Informazioni su questa attività

La Floridiana è un complesso storico artistico situato a Napoli, nel quartiere Vomero. Conosciuta principalmente per l’omonimo parco, nacque in realtà come villa residenziale durante il regno borbonico. La stessa struttura venne poi acquistata dallo Stato ed ospita, ad oggi, il Museo nazionale della ceramica Duca di Martina.

Il parco della Floridiana

Il parco si estende in un punto favorevole della collina del Vomero, da cui è possibile, in un sol colpo d’occhio, ammirare tutto il Golfo di Napoli.

Viali e sentieri costeggiano ora giardini con camelie e palme, ora boschetti di lecci. Platani, pini e aiuole di pittosporo, arricchiscono di colori e ombre una bella passeggiata domenicale o sono un luogo perfetto per evadere dalle caotiche e affollate vie vomeresi. C’è chi porta i propri bambini a giocare, chi legge o si gode il bel sole steso sui prati, chi chiacchiera o ascolta musica e passeggia serenamente o riposa sulle panchine. I più romantici si ritrovano al belvedere per spingersi con lo sguardo fino al mare, i curiosi, invece, sbirciano nella fontana delle tartarughe, così chiamata per la presenza di questi esemplari e dove si può scorgere anche qualche pesciolino rosso.

Il parco è uno degli spazi più belli del quartiere, piacevole tappa prima di proseguire nella passeggiata tra i negozi o tornare alla solita routine.

Tra natura, storia e arte

Il parco della Floridiana di Napoli fu concepito secondo una combinazione di stile tra il giardino all’italiana e quello inglese. Geometria e ordine, infatti, si alternano ad ampie prospettive in un ambiente pittoresco e romantico al quale difficilmente si riesce a resistere.

Un tempio ionico sorge inaspettatamente a poca distanza dal belvedere e costituisce un punto panoramico all’estremità del giardino a terrazza.

In un altro spazio del parco, invece, è collocato lo storico Teatro della Verzura. Delimitato da siepi di mirto e gradinate in piperno, è un esempio dell’influenza del giardino all’inglese. Sul palco a forma ellittica si esibivano gli attori, mentre valloni e grotte ospitavano degli animali esotici, molto amati dalla coppia reale. Oggi, questi spazi, sono adibiti per convegni e attività culturali.

La villa

L’imponente villa, con il suo candore e la scalinata verso il belvedere, domina su tutto il parco. Il carattere sobrio di stile neoclassico dell’edificio, è arricchito da influenze ioniche. Nacque come vera e proprio residenza reale ma nel 1927 fu convertito in Museo nazionale della ceramica Duca di Martina. Oggi il museo della arti decorative ospita una ricca collezione di oggetti della seconda metà dell’800 del Duca di Martina, accanto ad alcune sale residenziali conservate ancora intatte.

Storia e curiosità della Villa Floridiana

Il complesso della Floridiana, deve il suo nome a Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia e moglie di Ferdinando IV di Borbone. Precedentemente tenuta del principe Giuseppe di Torella, fu acquistata e regalata dal re borbonico alla moglie nel 1815.

I viali e i sentieri furono sistemati e curati dal direttore dell’Orto botanico, Dehnhardt, con 150 specie di piante che caratterizzano il bel parco vomerese.

Nel 1919, la Villa Floridiana fu acquistata dallo Stato che la rese museo di esposizione per la collezione di ceramiche ricevute in dono da Maria Spinelli di Scalea, figlia del Duca di Martina, di cui ancora oggi porta il nome.

Posizione dell'attività

Via Domenico Cimarosa 77, 80127, Napoli

Recensioni

0/5
Non recensito
( 0 recensioni )
Eccellente
0
Molto Buono
0
Media
0
Scadente
0
Terribile
0
0 recensioni su questa attività