Garantiamo esperienze incredibili:Soddisfatto o rimborsato!
Scopri

Giardino inglese nel Parco della Reggia di Caserta

Durata visita: 1h 30min - Costo a persona: 9,00€
  • Nessun supporto in lingua straniera

    Supporti in lingua

  • Parcheggio non disponibile

    Parcheggio disponibile

  • Non adatto ai bambini

    Adatto ai bambini

  • Con barriere

    Senza barriere

  • Animali non ammessi

    Animali ammessi

Il Giardino inglese di Caserta è uno spazio verde di modeste dimensioni, che si sviluppa in una parte “nascosta” del Parco della Reggia di Caserta. Nei pressi della grande cascata che sta al culmine della “via dell’acqua”, sorge questo incantevole giardino che ospita specie esotiche provenienti da ogni parte del mondo. Un piccolo orto botanico in stile neoclassico che è la punta di diamante del bellissimo complesso reale.

Un piccolo orto in stile neoclassico: la passeggiata dei nobili

Il Giardino Inglese si sviluppa su una superficie di 24 ettari, adiacente al Parco della Reggia di Caserta. Si cela ad occhi indiscreti a causa della sua posizione: se non è conosciuta, il Giardino Inglese può passare totalmente inosservato. Accanto alla Cascata, ove sorge la fontana di Diana e Atteone, si apre l’ingresso del magnifico giardino voluto dalla Regina Maria Carolina, moglie di Ferdinando IV di Borbone. Maria Carolina desiderava un luogo per le sue nobili passeggiate, che fosse in armonia con la natura. Giardino incantato, immerso completamente nella pace del verde di piante esotiche anche secolari, dove passeggiare cullati dal suono dei piccoli ruscelletti e dalla bellezza delle “rovine” che arricchiscono il paesaggio, rendendo questo posto davvero particolare. A chi percorre i suoi sentieri, che penetrano tra i giardini e i prati, sembra di entrare in un modo a sé stante dove la parola d’ordine è serenità. 

Oltre ad ammirare il bel posto e a godere di tanta pace, è consigliatissimo scegliere una panchina dove sedersi e ritagliarsi del tempo per ritrovare il contatto con la natura che qui regna sovrana. Il giardino inglese, infatti, fu progettato, secondo la moda dell’epoca, sull’accostamento e l’avvicendarsi di elementi naturalistici che fanno dell’insieme, un luogo volutamente incontaminato.

Le meraviglie del giardino inglese tra particolari edifici e le sue piante esotiche 

I vari sentieri che si diramano all’interno del giardino inglese, conducono ad ambienti davvero affascinanti, che sorprendono il visitatore lasciandolo piacevolmente ammaliato.

Il Bagno di Venere

Il Bagno di Venere è uno spazio davvero pittoresco. Si ambienta in un laghetto artificiale, dalla forma irregolare, posto ai piedi di un secolare esemplare di Taxus baccata che impera sul boschetto di lecci e allori che circondano le sue acque. La dea Venere, è rappresentata nell’atto di uscire dall’acqua in tutta la sua bellezza. 

Su un altro lato del laghetto sorge anche il Criptoportico, finto ninfeo con statue provenienti dagli scavi archeologici borbonici e dalla collezione Farnese. Tra le sue acque, infine, spuntano delle piccole isole una delle quali è adibita a ricovero per anatre, cigni ed altri anatidi che sostano nel laghetto. Piante di ninfee, colorano con i loro spettacolari fiori, l’ambiente acquatico.

La Palazzina all’Inglese

La Palazzina all'inglese, è un bell’edificio di fronte al quale ci si trova inaspettatamente seguendo un altro sentiero. Essa fu l'abitazione del giardiniere Graefer.

Infine, dietro le sbarre di un cancelletto di forma circolare, con motivi geometrici, è custodita l'Aperia, uno spazio anticamente impiegato per l'allevamento delle api e la relativa produzione di miele. Successivamente essa fu adibito a serra per coltivare piante e fiori ornamentali.

Le piante esotiche del Giardino all’Inglese

Bellissime piante esotiche fanno di questo giardino inglese, quasi un piccolo orto botanico del Parco della Reggia di Caserta. Tra i suoi sentieri, infatti, troviamo esemplari secolari e spettacolari del già citato Taxus baccata (albero della morte completamente velenoso ma che ci ha fornito principi anticancerogeni), il maestoso Cedrus libani, l’albero della canfora ossia il Cinnamomum camphora e quella che si dice sia la prima pianta di Camellia japonica (o semplicemente camelia), arrivata in Europa dal Giappone.

Curiosità e origine del Giardino Inglese di Caserta

Il Giardino inglese non apparteneva al progetto originale che Luigi Vanvitelli aveva presentato al re. Infatti fu progettato e condotto dal giardiniere Graefer per volere della Regina Maria Carolina d’Austria nel 1785. Ella desiderava che fosse realizzato qualcosa che superasse in bellezza il Petit Trianon del Parco della Reggia di Versailles voluto dalla sorella, la regina Maria Antonietta.

Fu così che nacque il giardino inglese che per la bellezza artistica, paesaggistica e la sua importanza rispetto alle piante esotiche che qui vennero piantumate, divenne un piccolo angolo di paradiso dalle caratteristiche di orto botanico del Parco della Reggia di Caserta nonché il luogo incantato che oggi affascina i suoi visitatori.

Suggerimenti e idee di viaggio dal blog

Hai bisogno di un passaggio?Scegli la soluzione più adatta a te.

Lascia la tua email e ricevi aggiornamenti sulle nuove proposte di viaggio.