Garantiamo esperienze incredibili:Soddisfatto o rimborsato!
Scopri

Il Parco della Memoria Storica di San Pietro Infine

Via Croce, 81049, San Pietro Infine

Durata visita: 2h  - Accesso gratuito
  • Nessun supporto in lingua straniera

    Supporti in lingua

  • Parcheggio non disponibile

    Parcheggio disponibile

  • Attività per bambini

    Adatto ai bambini

  • Parzialmente Accessibile

    Senza barriere

  • Animali non ammessi

    Animali ammessi

Scopri un percorso all'interno di un antico frantoio oleario che si snoda attraverso sette allestimenti scenografici accompagnati da musiche e suoni riprodotti in quadrifonia. La quadrifonia è una tecnica di riproduzione dei suoni che prevede flussi sonori diversi, riprodotti ognuno da un proprio diffusore acustico.

Oltre la statica esposizione di oggetti e cimeli, il visitatore viene trasportato in una dimensione passata, privilegiando un coinvolgimento emotivo fatto di ricordi e sensazioni rivivendo la storia di San Pietro Infine.

Il salto nel passato termina con la proiezione di un filmato estratto dal docu-film The battle of San Pietro: primo documentario di guerra, questo lavoro è stato girato dal famoso regista John Huston insieme alla sua troupe di sei militari, il tutto in diretta, mentre seguivano le azioni belliche del 143° Reggimento Fanteria della 36ª Divisione "Texas".

La pellicola testimonia le varie fasi che hanno permesso alle truppe degli Alleati di avanzare oltre la Linea Gustav, puntando alla conquista del Paese.

San Pietro Infine e la guerra

Durante la guerra, nell'ottobre del 1943, il rumore devastante delle bombe raggiunse i Sanpietresi: bastarono pochi minuti per distruggere più di mille anni di storia del borgo. Il paese distrutto dal bombardamento oggi è memoria disabitata e muta che emoziona dopo la visita suggestiva all'interno dello spazio museale, con oggetti, filmati e suoni. Una storia iniziata già in età sannitica e proseguita per secoli, che ha visto passare sulla Via Latina tra Roma e Capua, eserciti e mercanti, sovrani, papi e contadini.

Il sistema museale di Caserta

Il Parco della Memoria fa parte del Sistema Museale di Caserta. Il sistema museale Terra di Lavoro ha come obiettivo primario la promozione di iniziative per documentare e studiare tutti i beni archeologici, storici, artistici, etnoantropologici, scientifici, paesaggistici e architettonici che si riferiscono alla storia e all’esperienza culturale del territorio di competenza e, in generale, alla Provincia di Caserta.

Le priorità di carattere culturale, sociale, turistiche ed economiche vogliono favorire la fruizione dei Musei e lo sviluppo locale.

I musei, membri e gemellati, protagonisti del progetto sono: il Parco della Memoria Storica San Pietro Infine, il Museo Civiltà Contadina San Nicola La Strada, il Museo Civico Raffaele Marrocco a Piedimonte Matese, il Museo Civico Maddaloni, il Museo Scientifico Nevio Santa Maria Capua Vetere, il Museo Parrocchiale del Duomo di Santa Maria Capua Vetere, il Museo Arte Contemporanea Caserta, il Museo Michelangelo Caserta e infine il Planetario di Caserta.

Cose importanti da sapere

Biglietti e scontistica

  • L'accesso al museo è gratuito ma se si vuole si può lasciare un'offerta

Informazioni sul museo

  • Il museo è aperto il sabato e la domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 17:00
  • Sono possibili visite infrasettimanali su prenotazione dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 17:00 alle 19:00 in estate, dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 17:00 in inverno

Facilitazioni

  • È prevista una guida durante la visita

Limitazioni

  • Il museo è parzialmente accessibile alle persone con disabilità motorie
  • La saletta di proiezione non è accessibile a persone con disabilità motorie e il parco ha sentieri selciati e gradonati
  • Con le normative Covid-19, le visite prevedono l'accesso a gruppi di massimo 5 persone per turno

Suggerimenti e idee di viaggio dal blog

Hai bisogno di un passaggio?Scegli la soluzione più adatta a te.

Lascia la tua email e ricevi aggiornamenti sulle nuove proposte di viaggio.