Garantiamo esperienze incredibili:Soddisfatto o rimborsato!
Scopri

La Chiesa di Santa Restituta ad Ischia

Piazza Santa Restituta, 80076, Lacco Ameno

Durata visita: 2h  - Accesso gratuito
  • Nessun supporto in lingua straniera

    Supporti in lingua

  • A pagamento e non custodito

    Parcheggio disponibile

  • Non adatto ai bambini

    Adatto ai bambini

  • Con barriere

    Senza barriere

  • Animali non ammessi

    Animali ammessi

In fondo al corso di Lacco Ameno, nell'omonima Piazza Restituta, si trova quella che secondo molti, è la chiesa più bella dell'isola d'Ischia, la Chiesa di Santa Restituta, protettrice dell'isola, insieme a San Giovan Giuseppe della Croce.

Perché visitare la Chiesa di Santa Restituta

Percorrendo le strade di Lacco Ameno, non puoi fare a meno di visitare la chiesa della santa, un edificio a pianta rettangolare con facciata in stile neoclassico, sormontato da un soffitto a cassettoni appoggiato a 24 coppie di colonne e capitelli corinzi, con quattro finestre per lato che danno una particolare luce all'unica navata. Sulla prima cappella a destra possiamo ammirare una tavola del 1500 con l'immagine della Madonna del Carmine e di fronte all'altare una splendida statua dell'Immacolata. Troviamo anche delle suggestive tele ottocentesche del pittore dimenticato Filippo Baldi e tutto intorno alla chiesa alcuni quadri con le scene del martirio della Santa, realizzate da Mastroianni dal 1883 al 1885. Visitandola al tramonto del sole, potrai osservare un'aura mistica perfetta per la solennità del luogo.

La storia di Santa Restituta

Si racconta che la Santa giunse sulle coste di Lacco Ameno dal Nord Africa il 17 maggio, su una barca cosparsa di pece e stoppa ma suo destino non era lieto. Santa Restituta doveva essere bruciata per non aver rinnegato neanche sotto tortura la sua fede in Cristo, durante l'interrogatorio voluto dall'imperatore Diocleziano, autore della più vasta e sanguinosa persecuzione cristiana nell'Impero romano.

Al momento dell'esecuzione, la barca della santa non andò a fuoco, bensì quella dei suoi persecutori e apparve un angelo che la spinse verso l'isola d'Ischia, giungendo ad Aenaria, cittadella romana oggi sommersa. Una matrona, Lucina, fu avvertita in sogno dall'angelo dello sbarco della santa e si recò alla spiaggia, dove trovò la Restituta esanime.

La baia si riempì di gigli bianchi, da allora associati alla Restituta. Lucina, insieme ad altri abitanti, la seppellì alle falde del Monte Vico, dove oggi sorge il Santuario a lei dedicato.

La Festa di Santa Restituta

La festa della santa, dal 16 al 18 maggio, è molto sentita dagli abitanti di Lacco Ameno. Le stradine vengono adornate da incantevoli luminarie, ci sono bancarelle con noccioline, torroni e tante giostre per i più giovani.

Nel giorno 17 potrai assistere ad una vera e propria rappresentazione teatrale della storia dell'approdo della Restituta, che parte dal pontile di Lacco Ameno e prosegue verso Casamicciola. Qui viene accolta da spettacolari fuochi pirotecnici, un'esperienza suggestiva e affascinante, per i fedeli e non. Il giorno successivo la Santa è portata in processione nelle strade cittadine e a mezzanotte la festa si conclude con altri scintillanti fuochi d'artificio.

Suggerimenti e idee di viaggio dal blog

Hai bisogno di un passaggio?Scegli la soluzione più adatta a te.

Lascia la tua email e ricevi aggiornamenti sulle nuove proposte di viaggio.