Regala movery

Il Parco del Grassano a San Salvatore Telesino

Via Grassano 1, 82035, San Salvatore Telesino
Durata

2h

Le lingue

___

Partecipanti

Illimitato

Tipo

Parco o giardino

attribute img

Adatto ai bambini

attribute img

Adatto alle coppie

attribute img

Animali ammessi

attribute img

Parcheggio disponibile

attribute img

Senza barriere

attribute img

Supporti in lingua

Cose importanti da sapere

Services included

  • Esclusiva garanzia Movery soddisfatti o rimborsati
  • Servizio di assistenza turistica inclusa
  • Consegna biglietti istantanea
  • Si accettano biglietti su smartphone

Informazioni sul Parco

  • Il Parco è aperto dalle 9:30 alle 23:30 il martedì, il mercoledì, il venerdì, il sabato e la domenica
  • Il giovedì il Parco è aperto dalle 9:30 alle 03:00
  • Il mese di Agosto il Parco è aperto anche il lunedì
  • Nei giorni festivi l’accesso al parco, qualora si fosse sprovvisti di prenotazione, è consentito solo dopo le 14:30

Facilitazioni

  • L’accesso al parco è sempre gratuito per tutti i visitatori che non vogliono usufruire dei servizi, quali ad esempio aree Picnic e ristorante (con divieto di picnic su prati e panchine)
  • I cani possono accedere al parco, basta essere muniti di guinzaglio e paletta per i bisogni

Limitazioni

  • Il parco è pedonale e non dispone di una viabilità interna, pertanto è vietato l’ingresso ai visitatori con qualsiasi tipologia di mezzo
  • È severamente vietato introdurre cibo e bevande in quanto vige il divieto di picnic su prati e panchine, esclusa una previa prenotazione a pagamento
  • La balneazione nel fiume è vietata

Consigli per la visita

Come raggiungere il Parco del Grassano

  • Per raggiungere il punto di interesse, segui le indicazioni oppure lasciati aiutare dal tasto 'Ottieni indicazioni.'
  • Raggiungi il Parco del Grassano con i mezzi pubblici
  • Dalla stazione di Benevento prendi il RE 21210 in direzione CASERTA. Scendi a Telese-Cerreto e procedi per mezz'ora a piedi per raggiungere il Parco.
  • Raggiungi il Parco del Grassano in auto
  • Prendendo come punto di riferimento la stazione di Benevento, prendi SS372 da Via Francesco Compagna, Via dei Pentri e Tangenziale Ovest di Benevento. Segui SS372 in direzione di Via Bagni Vecchi a Solopaca e guida in direzione di Via Grassano/SP46 a San Salvatore Telesino.n

Informazioni su questa attività

Il Parco del Grassano è una meravigliosa oasi naturalistica circondata dalla Valle Telesina, a pochi chilometri da Telese Terme. Le acque del fiume Rio Grassano, che presta il nome all’intero parco, scorrono tranquille contribuendo a creare un’atmosfera magica e rilassante per chi vi fa visita.

La natura regna in questo angolo di paradiso in cui trascorrere una giornata all’insegna del relax e del divertimento. Il parco è la scelta giusta per adulti e bambini: puoi organizzare un picnic, un barbecue, andare in canoa e in barca. In alternativa, puoi anche scoprire la storia e le conoscenze naturalistiche che si celano dietro l’ecosistema del parco durante le visite guidate o i laboratori che spesso vengono organizzati.

Oltre alle aree picnic, fornite di gazebo e tavoli, c’è anche un delizioso ristorante pronto a farvi assaggiare prodotti e specialità locali.

Tra le esperienze più divertenti sia per i piccoli che per gli adulti, c’è il servizio di canottaggio: potrai ammirare da vicino la flora e la fauna che popolano il fiume, regalandoti un momento magico sulle acque che attraversano il parco. Per chi non è amante di questo sport, invece, c’è anche la possibilità di fare una fantastica escursione in barca a motore con un conducente.

L’estate nel parco è dedicata anche alla vita notturna e alla movida giovanile: da giugno a settembre non mancano gli eventi disco-park in cui si alternano in console diversi artisti di fama nazionale che si esibiscono in serate dedicate a diverse tipologie di disco music.

San Salvatore Telesino

Le sorgenti del fiume Rio Grassano sono situate nel comune di San Salvatore Telesino, una delle cittadine più caratteristiche del Sannio.

Il Rio Grassano sorge precisamente alle falde di Monte Pugliano, dove l’attività erosiva delle acque ha creato delle profonde fratture tra le rocce, che a loro volta hanno determinato lo sprofondamento del suolo. Questo ha causato la formazione di grandi cavità, chiamate pozzi carsici o doline, raggiungibili nella fitta vegetazione attraverso alcuni sentieri.

Perchè visitare San Salvatore Telesino

Il paese è erede di Telesia, antica città sannitica coinvolta nelle guerre puniche. Lungo la strada che collega San Salvatore Telesino a Telese Terme, infatti, si trova l’area archeologica con i resti dell’antica città romana del I secolo a.C.

Dell’impianto originario sono ancora visibili le bellissime mura e le torri con rivestimento in opus reticolatum, mentre nelle aree di campagna sono state individuate le terme, il grande anfiteatro e l’acquedotto che portava a Telesia le acque provenienti dai monti di Cerreto Sannita. Resti di mura sannitiche poligonali del V-IV secolo a.C. e una chiesetta appartenente a un insediamento altomedievale, sono stati scoperti anche lungo i sentieri del Monte Pugliano.

In epoca medievale, diversi monumenti della Telesia antica furono demoliti per riutilizzare i materiali col fine di costruire nuovi edifici, tra cui la splendida Torre Campanaria di Telese Terme, un esempio imponente di monumento normanno in Campania.

Tra le architetture religiose da visitare c’è sicuramente l’Abbazia benedettina di Santissimo Salvatore, edificata intorno al X secolo. Nel 1908 l’edificio ricevette come ospite illustre l’arcivescovo di Canterbury Sant’Anselmo D’Aosta. Secondo alcuni storici l’arcivescovo terminò di scrivere l’opera teologica Cur Deus Homo proprio durante il suo soggiorno presso l’Abbazia.

Oggi nella chiesa è possibile ammirare la volumetria architettonica originaria grazie ai recenti restauri, oltretutto vi è anche conservato un meraviglioso affresco del 1300 raffigurante Santa Scolastica. La struttura ospita dal 2010 un Antiquarium in cui sono raccolti altri resti archeologici dell’antica Telesia, ma la particolarità è il pozzo di Sant’Anselmo, che secondo la tradizione fu scavato in un luogo indicato dal Santo durante la sua permanenza a San Salvatore.

La pinacoteca Massimo Rao

Per gli amanti dell’arte potrebbe essere interessante visitare la pinacoteca dedicata all’artista sannita Massimo Rao. A seguito della prematura scomparsa dell’artista, il comune di San Salvatore Telesino si è fatto promotore di questa meravigliosa iniziativa insieme all’Associazione Massimo Rao. La raccolta di circa sessantacinque opere è esposta in quattro sale della Galleria Sant’Angelo, all’interno di un edificio comunale nel centro storico di San Salvatore Telesino.

Si tratta di una collezione enigmatica, caratterizzata soprattutto da disegni, incisioni e da alcuni dipinti ad olio, generosamente concessi in comodato d’uso da Valentino Petrucci e Valentina Romen, nipote di Klaus Romen; quest’ultimo, oltre ad essere stato compagno di vita e di viaggio di Rao, si è sempre impegnato a supportare con grande dedizione il suo lavoro da artista.

Visitare questa mostra d’arte vuol dire ripercorrere la vita artistica dell’autore dagli anni Settanta fino ai primi anni Novanta, seguendo l’evoluzione delle sue opere in circa venti anni di carriera. Rao, anche conosciuto come il Pittore della Luna, è considerato uno degli artisti italiani più originali del Novecento grazie al suo linguaggio figurativo, appreso tramite lo studio degli antichi maestri e costellato da soggetti misteriosi e a volte anche visionari.

Posizione dell'attività

Via Grassano 1, 82035, San Salvatore Telesino

Recensioni

0/5
Non recensito
( 0 recensioni )
Eccellente
0
Molto Buono
0
Media
0
Povero
0
Terribile
0
0 recensioni su questa attività