Regala movery

Le Forre di Lavello e le sue meraviglie

Forre di Lavello, Cusano Mutri, 82033

Ora aperto
Durata

2h

Le lingue

___

Partecipanti

Illimitato

Tipo

Fiume

attribute img

Adatto ai bambini

attribute img

Adatto alle coppie

attribute img

Animali ammessi

attribute img

Parcheggio disponibile

attribute img

Senza barriere

attribute img

Supporti in lingua

Cose importanti da sapere

Services included

  • Esclusiva garanzia Movery soddisfatti o rimborsati
  • Servizio di assistenza turistica inclusa
  • Consegna biglietti istantanea
  • Si accettano biglietti su smartphone

Limitazioni

  • Si consigliano scarpe da trekking, zaino, colazione al sacco, eventuale macchina fotografica e una torcia per visitare le grotte. 
  • Il percorso sulla strada principale è adatto a tutti e si estende per circa 2 km. Se invece si sceglie di condurre la visita anche presso i siti che sono indicati lungo il sentiero, l’escursione potrebbe risultare più difficoltosa.

Consigli per la visita

Come raggiungere le Forre di Lavello e le sue meraviglie

  • Per raggiungere il punto di interesse, segui le indicazioni oppure lasciati aiutare dal tasto 'Ottieni indicazioni.'
  • Raggiungi le Forre di Lavello con i mezzi pubblici
  • Non è possibile raggiungere il comune di Cusano Mutri con i mezzi di trasporto pubblico. La stazione più vicina è quella di Telese Cerreto Sannita che dista 20 km. Una volta raggiunto il comune di Cusano Mutri, bisogna proseguire verso Via Orticelli e seguire le indicazioni per la SP76, dove ha inizio il percorso delle Forre di Lavello.
  • Raggiungi le Forre di Lavello con l'auto
  • Si raggiunge facilmente con il proprio mezzo da Napoli tramite l’A1 Napoli-Roma. Imboccare l’uscita Caserta Sud e proseguire in direzione Benevento. Continuare per Telese Terme, Fondovalle Isclero e Benevento Caianello. Imboccare l’uscita Telese Terme-Cerreto Sannita proseguendo in direzione Cerreto Sannita, bisogna seguire le indicazioni per Cusano Mutri. Da qui proseguire in direzione di Piazza Orticelli tramite Via Fuci. Proseguire sulla SP76.n

Informazioni su questa attività

Nel meraviglioso ed impareggiabile paesaggio del Parco regionale del Matese, si inseriscono luoghi dalla bellezza davvero suggestiva quali le incantevoli Forre di Lavello. Si tratta di un percorso naturalistico creato nel corso dei millenni, dal passaggio delle acque del fiume Titerno.

Lungo il sentiero si possono visitare vari altri siti d’interesse naturalistico e storico come le Grotte delle Fate, il Ponte del Mulino, il cosiddetto Muraglione, l’intrigante Grotta delle Streghe, il Ponte di Pesco Appeso, lo storico Ponte di Annibale, la Caverna dell’Elefante, la Grotta dei Briganti e il panoramico Belvedere sulla Forra.

Le Forre di Lavello e il suo sentiero ricco di meraviglie

Il sentiero che percorre le Forre di Lavello e che segue il corso del fiume Titerno, è un’antichissima mulattiera che risale all’epoca sannitica. Costituiva un passaggio che collegava la valle all’imponente montagna che la sovrasta.

Posto al confine tra Cerreto Sannita e Cusano Mutri, questo sito naturale si è formato per via dell’azione erosiva delle impetuose acque del fiume Titerno. Queste infatti, hanno letteralmente scavato un canyon profondo ben 30 metri tra le pareti rocciose dei Monti Erbano e Cigno, creando così il “Lavello”.

Il sentiero ha inizio a partire da un’ampia area alberata dove sono disposte delle panche. Da qui si può percorrere la mulattiera che costeggia da una parte la parete rocciosa mentre sulla sinistra vi è un salto panoramico da cui si può seguire il percorso del fiume. Su questo lato sono installate delle indicazioni che evidenziano la presenza dei vari altri siti naturalistici e la relativa distanza a cui essi si trovano.

Visitando tutti i siti che si trovano sul sentiero, si può fare un’escursione abbastanza impegnativa che ha il sapore di una piccola avventura tra i boschi cusanesi. Tuttavia se si vuole semplicemente fare una passeggiata senza avventurarsi troppo tra le varie grotte e gole, si può liberamente scegliere di percorrere soltanto la strada principale, adatta a tutti. Questa vi condurrà comunque ad un maestoso ponte che potrete attraversare per arrivare dall’altra parte e proseguire la vostra passeggiata. Si tratta del Ponte di Lavello, completamente in pietra e costituito da più archi che sovrastano il fiume e da cui si può godere di una vista davvero spettacolare sulle acque turchesi del torrente che attraversa le bianche pareti rocciose.

Questo ponte è ben visibile già dal sentiero principale e varie sono le aree picnic dove potrete fare delle soste completamente immersi nella natura. Lungo il percorso vi è anche una pista ciclabile di cui i più sportivi potranno approfittare.

Il Ponte di Pesco Appeso

Avventurandosi nella bellezza incontaminata delle Forre di Lavello, si può scegliere di iniziare il percorso attraversando un suggestivo ponticello di legno: il Ponte di Pesco Appeso. Si chiama così perché questo ponte è situato nei pressi di un enorme macigno detto appunto “Piscu ‘mpis” (cioè Pesco appeso o, più esattamente, Macigno in bilico). Il macigno, per ragioni di sicurezza, fu frantumato con le mine e fatto cadere nel 1965.

Il piccolo ma caratteristico ponte vi permetterà di attraversare il fiume. Dall’altra parte vi attenderà il meraviglioso boschetto misto di querce, acero, carpino e un immancabile castagneto. Un bivio vi porrà davanti l’opportunità di visitare da un parte la Grotta dei Briganti, dall’altra la Grotta delle Streghe. A voi la scelta!

Grotta delle Streghe

La prima (o ultima) tappa del percorso è costituita dalla Grotta delle Streghe. Questa piccola grotta dal nome intrigante si trova nei pressi del Ponte di Pesco Appeso che, a secondo della vostra scelta, può costituire l’inizio o la fine del percorso alle Forre di Lavello. La grotticella è piccola ma consigliamo comunque di farvi un salto prima di proseguire sul resto del percorso.

Grotta dei Briganti (o Grotta Chiusa)

La Grotta dei Briganti, invece, rappresenta forse la parte più “avventurosa” del sentiero e per sondarla tutta impiegherete quasi un’ora.

Questa grotta è anche chiamata Grotta Chiusa poiché la visita non è molto agevole. Si presenta fin dall’inizio, come una piccola fenditura nella parete roccioso accessibile solo strisciando. Al suo interno si aprono tre zone diverse.

La prima è bassa ed ampia e scendendo fino alla fine di questo spazio si può accedere alla seconda “sala” della grotta, ancora più piccola che in alto presenta la terza parte chiamata “Cattedrale”, un’ulteriore insenatura a cui si può arrivare unicamente strisciando e arrampicandosi che si presenta stretta ma molto alta.

Tutti gli ambienti di questa grotta sono umidi, freddi, fangosi e abbastanza scivolosi. Essendo completamente buia, per visitarla è necessario essere muniti di una torcia. Tuttavia questa grotta costituisce anche il riparo e la casa di alcuni animali come pipistrelli, rane e insetti vari. Quindi bisogna cercare di non fare troppo rumore e tenere le luci delle torce basse, per non disturbarli.

Particolari formazioni di stalattiti e stalagmiti, faranno divertire la vostra fantasia.

Caverna dell’elefante

Di particolarissimo aspetto è la Caverna dell’Elefante, grotta davvero bizzarra: il suo ingresso, se ammirato ad una certa distanza, somiglia ad un grosso elefante bianco. L’effetto è dato da pilastri di roccia calcarea che, spontaneamente, hanno assunto questa curiosa e simpatica conformazione.

Grotta delle Fate

Successivamente un deviazione vi condurrà alla Grotta delle Fate. Questa caverna fu scavata nella bianca pietra calcarea, diversi decenni fa, precisamente negli anni ‘60, al fine di sondare il territorio e valutare così la possibilità di erigere una diga. La grotta è costituita da due lunghi corridoi e non possiede illuminazione artificiale. Dunque è possibile visitarla solo se muniti di torcia.

Il piccolo Ponte del Mulino

Ritornando sul sentiero principale, la passeggiata prosegue verso il caratteristico Ponte del Mulino. Il piccolo ponte in pietra che ha la forma di un arco. Non ha protezioni laterali e possiede un aspetto davvero rustico. Nonostante il suo attuale aspetto, però questo ponticello è servito fino agli anni ‘50 per permettere l’attraversamento del fiume.

Sul versante opposto vi era il così chiamato “Mulino di Zì Fiore” attivo fino a qualche decennio fa, questo lato è comunque un luogo ideale per fare una piacevole sosta a metà del sentiero.

Belvedere della Forra

Risalendo tra i boschi si continua nella visita raggiungendo un altro piccolo ponte di legno. Dovrete attraversarlo per raggiungere un punto panoramico davvero incantevole: il Belvedere sulla Forra. Lo spettacolo che vi attende è unico. Avrete la possibilità di ammirare le gole e il corso d’acqua con le cascatelle tra le alte pareti rocciose. Il paesaggio incontaminato vi farà provare una sensazione di libertà senza eguali e potrete ritrovare la connessione con la natura che vi circonda.

Ponte di Annibale

Ultima tappa della nostra visita è in prossimità del guado del fiume. Quando nei periodi estivi il torrente è asciutto, si può attraversare direttamente questa zona, prestando attenzione alla forma delle rocce che costituiscono il percorso. Qui si innalza il particolare Ponte di Annibale. Un enorme arco che sovrasta questa parte del fiume e che, secondo la tradizione, è stato utilizzato dal condottiero africano nel corso della Seconda Guerra Punica.

Posizione dell'attività

Forre di Lavello, Cusano Mutri, 82033

Recensioni

0/5
Non recensito
( 0 recensioni )
Eccellente
0
Molto Buono
0
Media
0
Povero
0
Terribile
0
0 recensioni su questa attività