Regala movery

Castel Sant’Elmo, la fortezza che domina Napoli

Via Tito Angelini 20/A, 80129, Napoli

A partire da: 0 a persona

0 / 5 Non recensito (0 Recensioni)
Durata

3h

Le lingue

English, Italiano

Partecipanti

Illimitato

Tipo

Castello

attribute img

Adatto ai bambini

attribute img

Adatto alle coppie

attribute img

Animali ammessi

attribute img

Parcheggio disponibile

attribute img

Senza barriere

attribute img

Supporti in lingua

Cose importanti da sapere

Servizi inclusi

  • Esclusiva garanzia Movery soddisfatti o rimborsati
  • Servizio di assistenza turistica inclusa
  • Consegna biglietti istantanea
  • Si accettano biglietti su smartphone

Biglietti e scontistica

  • Il ticket intero ha un costo di 5€

  • Il ticket ridotto ha un costo di 2€

Informazioni sulla struttura

  • Il castello è aperto tutti i giorni dalle ore 8:30 alle 18:30

  • Il museo si trova in Via Tito Angelini 20, Napoli (NA)

  • È possibile prenotare un tour con una guida turistica privata chiamando il servizio di assistenza di Movery al numero 351.5585067

Limitazioni

  • Sito parzialmente accessibile ai disabili

Informazioni su questa attività

Castel Sant’Elmo, situato nel largo San Martino, domina Napoli dalla collina del Vomero. Questa fortezza è un riferimento costante ogni volta che si alza lo sguardo verso il cielo di Napoli.

Perché visitare Castel Sant’Elmo

Castel Sant’Elmo è un castello medievale, oggi adibito a museo, sito sulla collina del Vomero nei pressi di San Martino a Napoli. Il castello è sorto intorno al 1300 nello stesso luogo in cui si trovava, nel X secolo, una cappella dedicata a Sant’Erasmo, da cui Eramo, Ermo e infine Elmo, il nome attuale della fortezza.

Castel Sant’Elmo ha la forma di una stella a sei punte e lungo la sommità dei bastioni ci sono degli ampi corridoi ancora oggi praticabili. Con le sue ampie cannoniere poste sui bastioni e le alte mura circondate da un profondo fossato, era una struttura che si prestava perfettamente a compiti strategico-difensivi.

Il progetto “Follow the Shape”: il paesaggio tattile in Braille

Paolo Puddu, vincendo il Concorso Giovani Artisti, ha voluto raccontare il panorama: in questo modo anche le persone cieche potranno inoltrarsi in un percorso interiore, dove le parole di scrittori e poeti dedicate a Napoli permetteranno loro di conoscere la città e il paesaggio. Per vivere un’emozione non è necessario osservarla: l’immaginazione non ha alcun limite, e questo è possibile grazie al linguaggio Braille che segue il corrimano dei camminamenti che circoscrivono Piazza d’Armi.

Storia di Castel Sant’Elmo

In origine questo possente edificio (il primo castello per estensione della città), in parte ricavato dalla viva roccia (il famoso tufo giallo napoletano), era una torre d’osservazione normanna chiamata Belforte, e fu Roberto d’Angiò a commissionare all’architetto Tino da Camaino nel 1325 la costruzione del Palatium castrum, i cui lavori si conclusero nel 1343 sotto il regno di Giovanna I d’Angiò.

Da allora il Castello fu assediato più volte per la sua posizione strategica (250 metri sul livello del mare) e di controllo sulle strade di Napoli, e fu obiettivo militare soprattutto durante la contesa tra spagnoli e francesi per la conquista del Regno di Napoli. Tra il 1537 e il 1547 Castel Sant’Ermo, chiamato poi Sant’Elmo, fu ricostruito su commissione del Viceré spagnolo Don Pedro de Toledo ed assunse l’attuale pianta stellare a sei punte.

Nel 1587 un fulmine, caduto nella polveriera, colpì il castello distruggendo le dimore di castellani e militari, oltre alla chiesa interna. L’edificio fu quindi ricostruito tra il 1599 ed il 1610 dall’architetto Domenico Fontana.

Tra Seicento e Settecento il castello si trasformò in carcere, dove fu prigioniero anche il filosofo Tommaso Campanella. Castel Sant’Elmo fu inoltre sede di moti rivoluzionari del 1799, quando fu preso dal popolo ed assediato dai repubblicani che proclamarono nella Piazza d’Armi la Repubblica Napoletana. La fortezza, dopo il crollo della repubblica, tornò ad essere una prigione, in cui furono rinchiusi tra gli altri anche Giustino Fortunato, Domenico Cirillo e Luisa Sanfelice. Castel Sant’Elmo sarebbe rimasto un carcere militare fino al 1952.

Solo negli anni ‘80 del Novecento Castel Sant’Elmo divenne una struttura di interesse culturale e museale e dal 1982 l’intero complesso monumentale è stato affidato alla custodia della Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici di Napoli, per essere infine aperto al pubblico nel 1988.

Curiosità su Castel Sant’Elmo

  • Dalla suggestiva Piazza d’Armi si gode un’incredibile vista su tutto il golfo di Napoli, sul centro storico e sul lungomare. Meritano inoltre una visita la Grotta dell’Eremita, le carceri dei prigionieri comuni ed illustri e la Torre del Castellano, i cui ambienti rappresentano quanto rimane dell’alloggio del comandante e del personale del castello. La pavimentazione del piazzale è dell’epoca della costruzione. Vi è poi la piccola chiesa di Sant’Erasmo, situata in cima al grande piazzale, che fu costruita dall’architetto spagnolo Pietro Prati nel 1547 e completamente rifatta dall’architetto Domenico Fontana.
  • Castel Sant’Elmo ospita mostre ed esposizioni d’arte temporanee, ma anche festival e rassegne teatrali e musicali. Il castello è sede permanente del Museo Napoli Novecento 1910/1980, un museo che raccoglie opere realizzate da artisti napoletani nel corso del XX secolo, tra cui sculture, dipinti e sperimentazioni grafiche. Tra gli autori ricordiamo Enrico Baj e Mimmo Paladino.
  • Dal 1998 fino al 2011, durante la primavera Castel Sant’Elmo è stato la sede del Napoli Comicon (dal 2012 poi spostato alla Mostra d’Oltremare).
  • Nel 1416 la regina Giovanna II lo vendette per la somma di diecimilacinquecento ducati ad Alfonso d’Aragona.

Il Gran Ballo delle Debuttanti

Castel Sant’Elmo ospita anche il Gran Ballo delle Debuttanti della Scuola Militare Nunziatella, uno degli eventi più significativi della mondanità partenopea e il più longevo in Italia (va avanti fin dal 1799). Il ballo ha una tradizione centenaria che nasce nel XVIII secolo: nella tradizione nobiliare del tempo, l’evento consentiva l’ingresso di giovani donne nell’alta società e permetteva loro di incontrare i cadetti della scuola militare, una delle più antiche del mondo. Solo in epoca più recente il Ballo delle Debuttanti ha iniziato a coincidere con la fine del ciclo di studi dei giovani allievi della Nunziatella: esso segna, infatti, il countdown degli ultimi cento giorni di permanenza nel «Rosso Maniero» di Pizzofalcone.

Assistenza alla prenotazione

Con Movery hai sempre un assistente digitale al tuo fianco. Prima della prenotazione siamo a tua disposizione per chiarire ogni dubbio, dopo la prenotazione ti invieremo tutte le informazioni del partner con cui potrai definire gli ultimi piccoli dettagli. Non preoccuparti fino all'esecuzione dell'esperienza (ed anche durante) il nostro assistente sarà lì per risolvere ogni imprevisto e chiarire ogni dubbio.

Stai cercado qualcosa di diverso o un preventivo personalizzato? Contattaci



    Posizione dell'attività

    Via Tito Angelini 20/A, 80129, Napoli

    Come arrivare

    Raggiungi Castel dell’Ovo con i mezzi pubblici

    Da Piazza Garibaldi prendi la metropolitana Linea 1, direzione Piscinola e scendi a Vanvitelli. In autobus da piazza Vanvitelli V1 fino a Largo San Martino.  

    Raggiungi Castel dell’Ovo con l'auto

    Da Piazza Garibaldi prendi lo svincolo 4 - Corso Malta, poi l’autostrada A56 e in seguito l’uscita 6 verso Arenella. Continua su Tangenziale Est-Ovest di Napoli e poi su Via Marino e Cotronei. Dirigiti poi verso Traversa Privata Annunziata, poi svolta a sinistra e prendi Traversa Privata Santacroce. In seguito, svolta a destra alla 1a traversa e prendi Via Giacinto Gigante. Poi Svolta a sinistra e prendi Salita Arenella, poi da Salita Arenella svolta a destra e diventa Via Domenico de Dominicis, poi svolta a sinistra e prendi Via Ugo Niutta. Alla rotonda prendi la 3ª uscita e prendi Via Mario Fiore. Alla rotonda prendi la 2ª uscita e prendi Viale Michelangelo, svolta a destra e prendi Via Settimio Severo Caruso. Svolta a destra e prendi Vico Cacciottoli. Continua su Via Michele Kerbaker, svolta a sinistra e prendi Via Alessandro Scarlatti, svolta a sinistra e prendi Via Raffaele Morghen. Poi svolta leggermente a destra e prendi Via Giandomenico D'auria, svolta a destra e prendi Via Tito Angelini, svolta a destra e prendi Via Annibale Caccavello, svolta a sinistra e infine prendi Via privata Villa Covino

    Recensioni

    0/5
    Non recensito
    ( 0 recensioni )
    Eccellente
    0
    Molto Buono
    0
    Media
    0
    Scadente
    0
    Terribile
    0
    0 recensioni su questa attività

    Potrebbe interessarti

    Consent Management Platform by Real Cookie Banner