Garantiamo esperienze incredibili:Soddisfatto o rimborsato!
Scopri

Piazzetta Nilo, il corpo di Napoli

Piazzetta Nilo 7, Napoli

Durata visita: 20min  - Accesso gratuito
  • Nessun supporto in lingua straniera

    Supporti in lingua

  • Parcheggio non disponibile

    Parcheggio disponibile

  • Non adatto ai bambini

    Adatto ai bambini

  • Con barriere

    Senza barriere

  • Animali non ammessi

    Animali ammessi

Piazzetta Nilo, è un luogo caratteristico e ricco di storia, della città di Napoli. Situata nel Decumano Inferiore, comunemente chiamato Spaccanapoli, a pochi passi da altri due importanti snodi del centro storico di Napoli, Piazza San Domenico e il Largo Corpo di Napoli.

Piazzetta Nilo non è solo un luogo che parla di storia ma anche punto di ritrovo per i giovani, dove poter uscire la sera a Napoli per bere o mangiare qualcosa in compagnia mangiando lo streetfood di uno o più dei tanti locali della zona.

Perché visitare Piazzetta Nilo

In questa Piazzetta, che prende il nome dal fiume Nilo, sorge la Chiesa di Sant’Angelo a Nilo anche detta Cappella Brancaccio, poiché al suo interno riposa il Cardinale Rinaldo Brancaccio, nel sepolcro realizzato da Donatello in collaborazione con Michelozzo, che ne volle la costruzione tra il 1385 e il 1401.

Troviamo inoltre il Palazzo Pignatelli di Toritto, costruito nel 1499 per volere di Cesare Pignatelli, barone di Orta e di Toritto, in stile rinascimentale che nel 1736 fu poi restaurato in stile barocco.

Un altro importante palazzo che sorge qui, è il Palazzo del Panormita, voluto dal celebre letterato italiano Antonio Beccadelli, detto appunto “Il Panormita” cioè palermitano; palazzo di importante interesse architettonico costruito anch’esso in stile rinascimentale. In ultimo ma non per importanza, troviamo il Palazzo de Sangro, palazzo storico di Napoli edificato da Giovanni Sangro dei duchi di Vietri e sua moglie Andreanna Dentice nel 1506, caratterizzato da un portale in piperno e bugne.

Le cose più importanti da sapere su Piazzetta Nilo

Anticamente chiamata Piazzetta Bisi, da ’mpisi cioè impiccati, poiché era attraversata dai condannati a morte diretti al patibolo, deve oggi il suo nome alla Statua del Dio Nilo anche detta Corpo di Napoli eretta dalla comunità Alessandrina, per onorare le loro origini: la città di Napoli circa duemila anni fa, e in particolare la zona di Piazzetta Nilo, fu zona di stanziamento degli Alessandrini, con le loro abitazioni e botteghe.

Piazzetta Nilo è passata quindi dall’essere luogo di transito per i condannati, a essere luogo di sviluppo della comunità Alessandrina fino a diventare oggi luogo di interesse culturale e meta di ritrovo per uscire il sabato sera a Napoli, per mangiare o bere qualcosa con gli amici.

La statua del Dio Nilo

La Statua del Dio Nilo, divenuta emblema della Piazza e della città di Napoli, rappresenta la divinità sdraiata, con in mano una cornucopia adornata di fiori, simbolo della fertilità del Fiume Nilo con accanto i figli che bevono dal suo petto.

La scultura scomparve e fu ritrovata senza testa nel XV secolo, infatti inizialmente non si pensò a un uomo, ma ad una città madre che allatta i propri figli, per questo fu chiamata "O’ cuorpo e Napule". In seguito si capì che era una copia romana e fu poi restaurata nel 600. Perduta e ritrovata senza testa, poi restaurata con l’aggiunta della cornucopia e di una piccola testa di Sfinge e ricollocata nella piazza.

Nel 1953 la testa della Sfinge fu rubata per poi essere ritrovata nel 2013 in Austria e riportata nel centro storico di Napoli. Nonostante tutto, dopo duemila anni la statua è ancora lì, dove fu collocata dagli Alessandrini

Suggerimenti e idee di viaggio dal blog

Hai bisogno di un passaggio?Scegli la soluzione più adatta a te.

Lascia la tua email e ricevi aggiornamenti sulle nuove proposte di viaggio.