Regala movery

Sulle tracce dei Romani a Bacoli: Cento Camerelle 

Cento Camerelle, 80070, Bacoli

Ora aperto
Durata

Le lingue

___

Partecipanti

Illimitato

Tipo

Area Archeologica

attribute img

Adatto ai bambini

attribute img

Adatto alle coppie

attribute img

Animali ammessi

attribute img

Parcheggio disponibile

attribute img

Senza barriere

attribute img

Supporti in lingua

Consigli per la visita

Servizi inclusi

  • Esclusiva garanzia Movery soddisfatti o rimborsati
  • Servizio di assistenza turistica inclusa
  • Consegna biglietti istantanea
  • Si accettano biglietti su smartphone

Come arrivare a

  • Per raggiungere il punto di interesse, segui le indicazioni oppure lasciati aiutare dal tasto 'Ottieni indicazioni.'
  • Raggiungi Cento Camerelle con i mezzi pubblici
  • Da Napoli è possibile raggiungere Cento Camerelle con la linea 2 metropolitana che collega Piazza Garibaldi a Montesanto. Da qui, attraverso la Cumana si giunge a Torregaveta da dove si può usufruire di un servizio su gomma per Bacoli. Scendere nei pressi della Villa comunale di Bacoli che dista una decina di minuti di cammino.
  • Raggiungi Cento Camerelle in auto
  • Si raggiunge facilmente con il proprio mezzo di trasporto prendendo l’autostrada A56 da Piazza Garibaldi e Corso Malta. Imboccare, poi la Tangenziale per Pozzuoli, uscita 14, proseguendo per Montenuovo, Licola Patria a Pozzuoli. Superate le località di Miliscola, Via Castello in direzione di Bacoli, Cento Camerelle.n

Informazioni su questa attività

Se sei sulle orme degli antichi Romani e stai organizzando un tour tra i monumenti archeologici di questa antica e importantissima civiltà, Napoli è la meta più adatta. Sito nel comune di Bacoli, vi è il cosiddetto complesso Cento Camerelle, una delle numerose testimonianze del nostro passato. Questo complesso fu ricavato direttamente da un costone tufaceo che scende a strapiombo sul mare di Miseno.

Perché visitare il complesso di Cento Camerelle

Cento Camerelle è un impianto idrico che si sviluppa su più piani. Sottostanti i primi due praticabili, infatti, vi sono anche un piano intermedio e uno inferiore, del tutto uguali ai soprastanti.

Attraverso una breve scalinata si accede al piano superiore, parzialmente scavato nel tufo e ubicato a tre metri sotto l’attuale livello di campagna. Questo piano era destinato ad un ampio serbatoio di età imperiale, diviso in quattro navate, coperte da volta a botte e sorrette da tre file di pilastri, rivestito di pavimento in signinum.

Le cisterne di cui esso è composto sono invece in opus reticulatum rivestito di cocciopesto (intonaco idraulico impermeabilizzante). Si scende al piano inferiore attraverso una rampa in ferro che giunge a sei metri sotto l’attuale piano di calpestio. Questa parte era adibita al rifornimento d’acqua attraverso una serie di cunicoli di età repubblicana. Essi sono coperti a volta e collegati da stretti e bassi passaggi. In essi si conservano ancora sulle pareti i nomi dei visitatori dei secoli scorsi scritti a carboncino. Anch’essi sono scavati nel tufo ma foderati di opus coementicium e rivestiti di cocciopesto.

Una visita davvero suggestiva e un viaggio tra le epoche dei Romani.

Le cose più importanti da sapere su Cento Camerelle

Il monumento consiste in una serie di cisterne che erano in realtà pertinenti ad una villa, i cui ruderi si possono osservare in parte nel costone tufaceo da cui è stato ricavato questo antico impianto idrico, per mezzo della presenza di peschiere semisommerse nello specchio d’acqua antistante. L’ambiente, infatti, è molto umido.

Curiosità e cenni storici su Cento Camerelle

Gli storici hanno ipotizzato che la villa a cui erano annesse le cisterne di Cento Camerelle, sarebbe appartenuta ad Ortensio. Il console romano aveva bisogno di ingenti quantità d’acqua poiché all’interno della sua villa possedeva non solo ninfei e fontane con giochi d’acqua, ma anche un complesso di peschiere per l’allevamento di murene. Quest’ultimo fu, però, soltanto il primo dei possessori della villa.

L’edificio fu poi acquistato, infatti, da Antonia minore, appartenente alla dinastia giulio-claudia. Passò successivamente a Nerone ed infine a Vespasiano.

Nel Seicento al complesso venne attribuito il suo attuale e particolare nome sostituendo quello che si era diffuso nella tradizione letteraria del tempo. Il complesso era da sempre conosciuto con il nome di “Prigioni di Nerone”. Tacito racconta, infatti, che tra questi intricati cunicoli, Nerone avesse rinchiuso la madre Agrippina prima di ordinarne l’assassinio.

Cento Camerelle fu anche una tappa ai tempi del Grand Tour, come è dimostrato dai nomi dei visitatori scritti a carboncino, fra i quali si legge la firma del 1737 di Allan Ramsay, ritrattista ufficiale della famiglia reale di Edimburgo.

Posizione dell'attività

Cento Camerelle, 80070, Bacoli

Recensioni

0/5
Non recensito
( 0 recensioni )
Eccellente
0
Molto Buono
0
Media
0
Povero
0
Terribile
0
0 recensioni su questa attività