Garantiamo esperienze incredibili:Soddisfatto o rimborsato!
Scopri

Parco Virgiliano, fiore all’occhiello di Posillipo

Viale Virgilio 1, 80123, Napoli

Durata visita: 1h - Non acquistabile, prezzo indicativo 4,00€
  • Nessun supporto in lingua straniera

    Supporti in lingua

  • A pagamento e non custodito

    Parcheggio disponibile

  • Area dedicata ai bambini

    Adatto ai bambini

  • Senza Barriere

    Senza barriere

  • Cani ammessi

    Animali ammessi

Il Parco Virgiliano è un piccolo polmone verde situato sulla collina di Posillipo a 150 m dal livello del mare.

La sua struttura a terrazze di 92.000 m² comprende alberi e piante di diverse specie e numerosi punti panoramici da cui poter ammirare tutto il Golfo di Napoli.

Fu realizzato durante l’anno XI del ventennio fascista e aperto nel 1931 con il nome di Parco della Vittoria o della Bellezza. Successivamente venne denominato Parco della Rimembranza per commemorare i caduti della Grande Guerra e infine assunse il nome di Parco Virgiliano in onore del poeta latino.

Perché visitare il Parco Virgiliano

Il parco ha una conformazione a “ferro di cavallo” perciò è possibile percorrerlo facilmente nella sua interezza e , grazie ai suoi vari punti panoramici, si può osservare ed ammirare estasiati tutto il Golfo di Napoli.

Dallo slargo che vi è all’ingresso segue un’ampia strada tufacea sulla destra, intervallata da numerosi praticelli dove crescono alberi di Pino marittimo. La strada è delimitata da ringhiere e muretti da cui ci si può affacciare dalle alte pareti tufacee a strapiombo sul mare e perdersi nella vastità del panorama accompagnati dal volo dei gabbiani che vi nidificano. Sul percorso, in corrispondenza dei punti panoramici, vi sono panchine dove ci si può riposare e di tanto in tanto, piccoli chioschi per il ristoro o l’incontro tra amici.

Nel parco vi è anche un anfiteatro, costruito negli anni settanta, che ancora ospita concerti e spettacoli teatrali. Al centro del giardino, occultato dallo sguardo dei visitatori e dei turisti, vi è anche un ampio impianto sportivo composto da una pista atletica e un campo di calcio. Vicino all’ingresso vi è infine, un’area giochi attrezzata per i bambini.

Un giardino da cui osservare il panorama di Napoli

Questo è sicuramente uno dei posti migliori da dove osservare il panorama di Napoli. Dalle terrazze del Parco Virgiliano, grazie alla sua posizione strategica sul promontorio di Posillipo, si può godere, infatti, di un panorama a 360°.

Alle spalle del parco, si può osservare la Penisola flegrea con i suoi Campi Flegrei, Coroglio, l’Isolotto di Nisida fino a Capo Miseno.

Più avanti, invece, si possono scorgere le isole di Capri, Ischia e Procida. Infine, da Monte di Procida, lo sguardo si può spingere dal Vesuvio a tutta la Penisola sorrentina fino alla Baia di Trentaremi, giungendo anche al Centro Storico di Napoli.

Tutto ciò è compreso nel parco che è costituito anche da varie aree verdi di lecci, olivi, roverelle, mirto, rosmarino, fillirea ma anche cespugli di rose che arricchiscono il giardino di colori e profumi.

Le cose più importanti da sapere sul Parco Virgiliano

Il Parco Virgiliano possiede due ingressi. Il principale, che si trova alla fine del viale Virgilio, è un ingresso monumentale costituito da un cancello e quattro pilastri sormontati da anfore. Di fronte a questo c’è una fontana che raccoglie l’acqua per mezzo di un canale che attraversa la montagna. Il secondo ingresso, invece, situato in viale Tito Lucrezio Caro, comprende una zona conosciuta come Valle dei Re, ed è il punto più alto del parco perciò vi si può osservare il più vasto dei panorami del parco.

Curiosità sul Parco Virgiliano

In età augustea, per la bellezza di questa zona e dei suoi panorami mozzafiato, i romani costruivano lussuose ville, tra cui quella più ricca di Pollione.

Dopo la sua costruzione, nel XX secolo, il parco subì un lungo periodo di incuria e decadenza fino al 1997, quando iniziò una consistente opera di riqualificazione. Con quest’opera vennero eliminate delle suddivisioni interne al parco, le strade asfaltate furono rimpiazzate da nuove pavimentazioni a favore della vegetazione. Le specie arboree preesistenti vennero ripristinate e salvaguardate e fu rimodernato anche un impianto di illuminazione.

Grande novità che lo ha reso il parco che conosciamo oggi, è stata la chiusura dell’accesso alle automobili.

Recentemente il Virgiliano è stato scelto nell’ambito di un programma comunale, “il parco letterario”, come simbolo del Grand Tour del Settecento. I panorami saranno quindi accompagnati dalle descrizioni dei più importanti viaggiatori del passato, arricchendo le viste mozzafiato di sensazioni ed emozioni d’altri tempi.

Suggerimenti e idee di viaggio dal blog

Hai bisogno di un passaggio?Scegli la soluzione più adatta a te.

Lascia la tua email e ricevi aggiornamenti sulle nuove proposte di viaggio.