Garantiamo esperienze incredibili:Soddisfatto o rimborsato!
Scopri

Museo Ferroviario Nazionale di Pietrarsa

Via Pietrarsa, 80146, Portici

Durata visita: 2h - Non acquistabile, prezzo indicativo 9,00€
  • Nessun supporto in lingua straniera

    Supporti in lingua

  • Parcheggio non disponibile

    Parcheggio disponibile

  • Non adatto ai bambini

    Adatto ai bambini

  • Con barriere

    Senza barriere

  • Animali non ammessi

    Animali ammessi

In carrozza! Per staccare un pò dalle bellissime chiese di Napoli e dai suggestivi scorci che la città partenopea regala, forse una visita al Museo Ferroviario di Pietrarsa potrebbe essere una bella soluzione.

Nella splendida cornice del rinnovato Reale Opificio MeccanicoPirotecnico e per le Locomotive dimorano una cinquantina di locomotive, da quelle a vapore a quelle elettriche, che dopo aver corso in lungo e in largo sulle ferrovie italiane sono ora custodite a testimonianza storica nel Museo Ferroviario di Pietrarsa.

Museo che sorge proprio vicino alla prima ferrovia costruita in Italia: la Napoli - Portici, inaugurata il 3 ottobre del 1839, con i suoi 7 km di lunghezza che oggi fanno parte della linea ferroviaria Napoli - Salerno.

Storia del Museo Ferroviario di Pietrarsa

Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa è il custode per eccellenza della storia delle ferrovie italiane.

I locali e i padiglioni che ospitano il museo nacquero come Reale Opificio Meccanico, Pirotecnico e per le Locomotive voluto da Re Ferdinando II di Borbone nel 1840. Si tratta di fatto del primo polo industriale in Italia, realizzato 57 anni prima degli stabilimenti della Fiat e 44 anni prima della fondazione della Breda.

Nello stabilimento sorto durante il Regno delle Due Sicilie sono state costruite centinaia di locomotive a vapore, e, in seguito all'Unità d'Italia e alla successiva statalizzazione delle ferrovie, la fabbrica entrò a far parte delle nuove Ferrovie dello Stato, diventando una delle officine delle Grandi Riparazioni, specializzata naturalmente nelle locomotive a vapore. Nel Novecento tuttavia il Reale Opificio Meccanico non ebbe vita lunga, per via dell'avvento delle locomotive elettriche e diesel, un avanzamento tecnologico che fece tramontare i mezzi a vapore e gli stabilimenti dove venivano costruite e riparate, primo fra tutti quello di Pietrarsa.

Le officine, in seguito alla chiusura nella seconda metà degli anni settanta, furono destinate a diventare il Museo Ferroviario che oggi conosciamo, inaugurato dopo una ristrutturazione il 7 ottobre del 1989, in occasione del 150° anniversario delle ferrovie italiane.

Curiosità del Museo Ferroviario di Pietrarsa

L'ultimo restauro del 2014 ha dato al museo degli spazi esterni meravigliosi, con il bel Giardino del Mediterraneo e un parapetto in vetro per la terrazza sul lungomare, che dà una vista mozzafiato sul Golfo di Napoli.

Con la sua superficie complessiva di circa 36000 metri quadri, il Museo Ferroviario di Pietrarsa ospita una cinquantina di locomotive tra locomotive a vapore, locomotive elettriche trifase, locomotive a corrente continua, locomotori diesel, elettromotrici, automotrici e carrozze passeggeri.

Nei padiglioni ottocenteschi restaurati possiamo ammirare pezzi di storia della ferrovia in Italia, come la riproduzione della Locomotiva Bayard che nel 1839 trainò il primo convoglio ferroviario sulla Napoli - Portici, scena riprodotta nella ricostruzione storica visitabile nel primo padiglione, dedicato ai mezzi a vapore e ai locomotori elettrici a trifase. La Storia d'Italia può essere toccata con mano anche attraverso la locomotiva 740.115, una delle locomotive che, alla fine della prima guerra mondiale, trainò il treno del Milite Ignoto per tutta la penisola.

I padiglioni del museo ospitano anche molti rotabili e carri in scala ridotta, nonché oggetti ferroviari in generale e plastici, oltre a locomotori elettrici che sono stati in servizio fino a pochi anni fa: tra questi l'ultima arrivata è la E.444.001, un modello di locomotiva elettrica molto potente e resistente, entrata nell'immaginario collettivo con il soprannome di Tartaruga.

Da non perdere assolutamente la carrozza salone del treno Reale, attualmente Treno della Presidenza della Repubblica Italiana, convoglio che fu costruito per le nozze di Umberto II di Savoia con Maria José del Belgio, composto da ben undici vagoni.

Facilitazioni

Prezzi e Scontistica

  • Biglietto intero 7.00 €, 5.00 ridotto (under 18 e over 65) per la sola entrata.
  • Biglietto intero 9.00 €, 7.00 ridotto (under 18 e over 65) per la visita guidata.

Suggerimenti e idee di viaggio dal blog

Hai bisogno di un passaggio?Scegli la soluzione più adatta a te.

Lascia la tua email e ricevi aggiornamenti sulle nuove proposte di viaggio.