Il patrimonio artistico è senza dubbio uno dei principali tesori del nostro Paese che, non a caso, ha il più alto numero di siti UNESCO del mondo. Ogni anno milioni di turisti da ogni angolo del mondo giungono in Italia per ammirarne le immense bellezze naturali e storico-culturali che rendono il nostro territorio così ambito e apprezzato.

Basti pensare ai grandi poli museali sparsi in Italia da nord a sud, passando dagli Uffizi di Firenze e fino alla Valle dei Templi di Agrigento in Sicilia. Di certo non fa eccezione una regione come la Campania che può vantare moltissimi luoghi di enorme interesse, a cominciare dagli scavi archeologici di Pompei ed Ercolano, la Reggia di Caserta, Palazzo Reale a Napoli, il Museo Archeologico di Napoli e così via.

Proprio per incentivare il turismo italiano è stata istituita nel 2014 l’iniziativa Domenica al Museo che consente di accedere gratuitamente ogni prima domenica del mese ai principali musei, scavi archeologici, gallerie d’arte, parchi e giardini di proprietà statale. Questo è un ottimo modo per ritagliarsi del tempo libero e visitare in maniera gratuita i siti più belli e rinomati del Paese.

Se l’accesso è gratuito, noi di Movery ti forniamo semplicemente il servizio di guida turistica, così da poter ricevere tutte le informazioni e nozioni storiche sul luogo che hai scelto di ammirare. Ogni guida saprà raccontarti il glorioso passato di posti dal fascino irresistibile e senza tempo.

In ogni caso, è bene chiarire che per ciascun sito turistico è necessario comunque prenotare il ticket di ingresso sul rispettivo portale ufficiale.

Potrebbe interessarti

Andiamo a conoscere quali musei sono aperti la prima domenica del mese in Campania.

Scavi archeologici di Pompei : è il principale sito archeologico italiano, tornato alla luce oltre 200 anni fa dopo l’eruzione vesuviana del 79 d.C.

Scavi archeologici di Ercolano : sono rinomati per il recupero della celebre Villa dei Papiri, una delle più grandi residenze dell’antichità, nella cui biblioteca sono stati rinvenuti oltre 1.000 papiri

Castello di Baia : appartiene al Museo Archeologico dei Campi Flegrei ed è uno dei più emblematici esempi di architettura militare

Scavi archeologici di Cuma : qui si possono ammirare gli antichi resti della città di Cuma, colonia greca risalente al 730 a.C. di cui sono stati rinvenuti edifici ludici, necropoli e templi religiosi

Reggia di Portici : oggi sede della Facoltà di Agraria della Federico II, è un’imponente residenza monumentale eretta nel 1742 per volere di re Carlo di Borbone

Reggia di Caserta : è il grande capolavoro architettonico di Luigi Vanvitelli ed è uno dei più grandi e spettacolari palazzi reali del mondo

Anfiteatro flavio Pozzuoli: risalente alla seconda metà del I secolo d.C., è uno degli anfiteatri più grandi e meglio conservati d’Italia

Tomba di Virgilio: costruito in epoca romana sul versante orientale della collina di Posillipo, questo mausoleo funebre rappresenta il luogo di sepoltura del poeta latino tanto amato a Napoli

Villa Pignatelli: immersa in uno splendido parco verde, è una residenza monumentale in stile neoclassico che accoglie al suo interno il Museo Principe Diego Aragona Pignatelli Cortés e il Museo delle Carrozze

Parco Elea-Velia: incastonato nel borgo di Ascea Marina, oggi è possibile ammirare ancora l’acropoli, l’agora, le terme romane, l’area portuale e la splendida Porta Rosa

Antro della Sibilla: è una galleria artificiale di Pozzuoli risalente all’epoca greco-romana dove la celebre Sibilla Cumana rivelava i propri oracoli.